EUROPEI DI VOLLEY: FALSA PARTENZA DEGLI AZZURRI DI BLENGINI



Parte con una sconfitta al tie-break contro la Germania allenata da Andrea Giani, l'avventura della nazionale italiana agli Europei di volley maschile che sono iniziati giovedì in Polonia. 
C'è sicuramente del rammarico per l'andamento di un incontro equilibrato ed altalenante, in cui gli azzurri hanno dato l'impressione a tratti di poter aver la meglio sui coriacei tedeschi. L'emozione ha probabilmente giocato un brutto scherzo (ben 5 di loro erano al loro debutto in questa manifestazione), considerando che nell'ultimo set sono stati davvero tanti gli errori commessi dal sestetto italiano che così ha dovuto alzare bandiera bianca al termine di oltre due ore di gioco.
Coach Blengini ha scelto la formazione che aveva già schierato nelle ultime uscite in Olanda: Giannelli in regia, Vettori sulla sua diagonale, Lanza e Antonov coppia di schiacciatori, Piano e Mazzone al centro con Colaci libero. 
Dall’altra parte della rete Giani ha dato fiducia alla diagonale Kampa-Grozer, Fromm e Kaliberda martelli, Andrei e Krick centrali con Zenger libero.
Primo set estremamente equilibrato con la Germania che non ha mai ceduto di un millimetro e con gli azzurri apparsi abbastanza contratti e non  sempre in grado di esprimere costantemente una certa fluidità nel gioco. La situazione di equilibrio si è protratta per tutto il parziale concluso 25-22, al primo set ball con un ace di Hirsch.
Secondo parziale in totale equilibrio fino al 19-19 quando un buon turno al servizio di Giannelli ha interrotto la parità portando la formazione tricolore sul 22-19. In quel momento, con grinta e un pizzico di cattiveria in più Lanza e Vettori hanno trascinato la squadra che è riuscita a impattare la gara sull’1-1, chiudendo in proprio favore 25-21 il primo set ball.
L’Italia ha cominciato il terzo set sulla stessa falsa riga del precedente dando l’impressione di essersi scrollata di dosso l’emozione e la tensione che l'avevano condizionata negativamente nelle fasi iniziali del match. Con il passare dei minuti anche Mazzone ha preso coraggio, ma la Germania non ha mai mollato riuscendo a ricucire ogni tentativo di allungo. Nella parte centrale del parziale però un’ottima serie al servizio di Lanza ha spezzato l’equilibrio spianando la strada verso la vittoria del set chiuso sul 25-19, riuscendo così a capovolgere la situazione iniziale. 
Nel quarto la formazione di Giani si è rifatta sotto prepotentemente, complice anche una flessione degli Azzurri. Nel corso del parziale Blengini ha dato spazio a Ricci, ma in generale la squadra ha perso un po’ di smalto cedendo 25-19 facendosi così raggiungere sul 2-2.
Il tie-break è stato giocato punto a punto, ma la Germania ha poi lentamente cominciato ad allungare (13-7) fino al 15-8 che ha chiuso la gara.  
Oggi giornata di riposo per gli azzurri, si torna in campo domenica 27 alle ore 17.30 (diretta su Rai 2) contro la Slovacchia che ieri è stata sconfitta per 3-1 (25-19, 28-30, 25-16, 25-17) dalla Repubblica Ceca. La situazione in classifica nella pool B nella quale è inserita l'Italia, vede al comando la Repubblica Ceca con 3 punti, seguita da Germania con 2, Italia a quota 1 e Slovacchia fanalino di coda con 0. Il match di domani pomeriggio è cruciale per le sorti dell'Italvolley che non può più assolutamente permettersi di compiere passi falsi, se intende proseguire il suo cammino nella kermesse continentale.
Negli altri gironi successi abbastanza netti per Russia, Slovenia e Serbia che con un secco 3-0 hanno regolato rispettivamente Bulgaria, Spagna e Polonia.

Red

Nessun commento:

Posta un commento

FED CUP: a Mosca i successi di Potapova e Pavlyuchenkova portano la Russia avanti 2 a 0 nello spareggio con l’Italia

MOSCA – L’ Italia per evitare la retrocessione e restare nel secondo gruppo mondiale, la Russia per risalire dal terzo. Uno spareggi...

I più letti