Tennis: al Torneo Montecarlo uno strepitoso Fognini abbatte Nadal ed è in finale

Una versione stellare di Fabio Fognini cancella Rafael Nadal con uno score nettissimo: 6-4, 6-2 sul rosso di Monte Carlo. Non lo batteva dagli US Open 2015 - quando rimontò da 2 set a zero vincendo al quinto - e oggi, ancora contro Rafa, Fabio compie un'altra magnifica impresa. Giocherà la sua prima finale Masters 1000, la domenica di Pasqua, contro il serbo Dusan Lajovic

L'impresa è di quelle storiche per più di un motivo. Primo, perché Fabio Fognini non batteva Rafael Nadal da quattro anni: fu un capolavoro a Flushing Meadows - perché nessuno, nè prima nè dopo, ha mai rimontato Rafa da 2 set a zero - ed è un’impresa oggi, alla svolta della carriera del nostro passionario della racchetta. Secondo, perché qui Nadal ha vinto 11 volte il torneo e non perdeva proprio dal 2015: in altri termini, questa è la quinta sconfitta di Rafa in 15 anni a Monte Carlo. Terzo, perché a 31 anni Fabio accede per la prima volta in finale nei Masters 1000, col suo tennis bello e dannato. Quarto, perché l’Italia manca all’epilogo monegasco dal 1977, quando Corrado Barazzutti s’inchinò a Borg, e non vince il torneo a Monte Carlo dal 1968, il secondo in successione di Nicola Pietrangeli. Sono stati i due anni più creativi del Novecento italiano. Quinto: l’immaginazione è al potere. 


Veloce come il vento. Fabio ha iniziato il torneo monegasco pieno di dubbi sul suo futuro prossimo, tra dolori e difetti sparsi. Ha battuto Rublev e Coric in rimonta e nettamente Zverev, ha giocato un tennis stellare contro Nadal. Come in una bolla da cui, a parte il solito sfogo contro il giudice, gli è riuscito proprio tutto, davvero tutto. È salito in cattedra lungolinea di rovescio. Ha accelerato ogni colpo, estraendo dalla racchetta lob e drop-shot, smash e volée. S’è preso molti rischi perché sennò non batti Rafa sulla terra battuta, nemmeno se Nadal è in giornata no e oggi, va detto, al re è cascata la corona. È stato, Fabio, semplicemente magnifico.


RED


Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova generazione di tennisti made in Russia tra risultati raggiunti ed aspettative crescenti

UNICEF REPRESENTATIVE FROM BELARUS JOINED THE STAR AMBASSADORS TEAM