EUROPEI DI CALCIO: PER L’INGHILTERRA E’ ANCORA BREXIT




Nizza (Francia) – A pochi giorni dal referendum sulla permanenza o meno nell’Unione Europea, l’effetto Brexit si fa sentire per l’Inghilterra anche agli Europei di Calcio che si stanno disputando in Francia. Stavolta il LEAVE arriva però non dalle disparate contee del Regno Unito, bensì dall’Islanda alla sua prima volta in una fase finale di una competizione calcistica. La prima grande sorpresa della versione extra della rassegna continentale per nazioni, arriva dunque da un paese particolarissimo in cui convivono, a volte in incredibile simbiosi, i ghiacci con il fuoco dei tanti vulcanetti che circondano questa piccola isola più vicina al Polo Nord che non al resto d’Europa.
Quella dell’Islanda è una vera e propria favola, e non solo perché quella terra ben si presta a narrazioni che fanno viaggiare la fantasia di ciascuno di noi. La realtà parla di una squadra ben messa in campo, quadrata ed organizzata che non a caso sino ad oggi è imbattuta. La squadra allenata da Lagerbaeck è stata infatti capace di concludere il proprio girone al primo posto, davanti al Portogallo di Cristiano Ronaldo (non certo l’ultimi arrivato) e dopo aver già ottenuto lo scalpo della ben più quotata Austria
Poi l’impresa da tramandare ai posteri e che proietta di diritto questa squadra già nella storia: il clamoroso ed inaspettato trionfo contro una delle favorite di questa edizione, nonché patria del gioco del calcio, ovvero l’Inghilterra, che mai come quest’anno era particolarmente accreditata per la vittoria finale.
Considerando non solo l’ottimo tasso tecnico a disposizione della compagine allenata da Roy Hodgson ma anche le credenziali con cui inglesi si erano presentati alla vigilia di questa manifestazione.
Basti pensare che solo qualche tempo fa, l’Inghilterra era riuscita a vincere contro i campioni del mondo della Germania – anche se in amichevole – rimontando da 0-2 a 3-2! Quando però si è trattato di fare sul serio, pure stavolta la nazionale dei tre leoni ha deluso le aspettative.
E pensare che il rigore con cui Rooney dopo appena 4’ di gioco aveva aperto le danze, sembrava far presagire una comoda sgambata per l’Inghilterra. Ed invece così non è stato perché in appena 15 minuti, Sigurdsson prima e Sightorsson poi, approfittando di una serie di incredibili dormite della difesa inglese, trovavano il modo per ribaltare definitivamente il risultato. Al termine, il tabellone avrebbe detto 1-2 con l’Islanda che in contropiede addirittura ha avuto più di una chance per arrotondare ulteriormente il punteggio.
A fine gara, il ct Hodgson ha annunciato le proprie dimissioni, sancendo di fatto – ancora una volta – l’ennesimo flop di un’Inghilterra che pur avendo inventato questo sport, continua paradossalmente a vedere riempita dal solo titolo iridato conquistato ormai mezzo secolo fa, la propria bacheca.
Adesso sulla strada di questa matricola terribile, ai quarti di finale ci sono i padroni di casa della Francia. Il pronostico sembrerebbe anche in questo caso pendere tutto dai transalpini, ma attenzione. Gli Europei periodicamente raccontano di squadre che partendo senza godere dei favori del pronostico, addirittura arrivano a trionfare: è stato il caso, nel 2004, della Grecia capace di trionfare al cospetto del favoritissimo Portogallo che fra l’altro giocava davanti al proprio pubblico. Oppure, tornando ancora più indietro nel tempo, a quella Danimarca che nel 1992 dopo aver sostituito una Jugoslavia martoriata dalla guerra, riuscì a battere in finale la Germania, che anche allora era campione del mondo in carica. Se è vero che esiste il detto “non c’è due, senza tre”, l’idea di puntare qualche euro sull’Islanda quale vincitrice di questa edizione dei Campionati Europei inizia a farsi strada in più di uno scommettitore.
Per il resto, da segnalare l’impresa della nazionale italiana che, al cospetto di una Spagna lontana parente di quella che appena due anni strapazzò gli azzurri allora allenati da Prandelli a Kiev con un perentorio 4-0, si prendono la rivincita ed ora sfidano i tedeschi in una sfida diventata ormai un classico del calcio mondiale. Anche per la riedizione dell’ultima finale degli europei, il pronostico iniziale è stato letteralmente sovvertito grazie ad una prestazione molto grintosa ed attenta degli uomini allenati da Conte che hanno inaridito da subito le fonti del gioco iberico che hanno sofferto enormemente la copertura degli spazi e la grande aggressività nelle zone nevralgiche del campo palesati dagli italiani. Non arrivava affatto peregrino il gol di Chiellini al 33’, rapido sotto porta ad avventarsi su una respinta difettosa di De Gea ed a ribadire in rete, un vantaggio più che meritato anche per le tante occasioni create e per le grandi parate dell’estremo difensore spagnolo che tenevano a galla la formazione di Del Bosque. La Spagna abbozzava una reazione nella ripresa, ma solo negli ultimi 15’ trovava il modo di rendersi minacciosa dalle parti di Buffon che dal canto suo sapeva farsi trovare pronto di fronte alle conclusioni di Morata e Pedro. In pieno recupero arrivava il 2-0 che chiudeva il discorso: con la Spagna tutta protesa in avanti alla disperata ricerca del pareggio, Insigne, da poco entrato, vedeva dall’altro lato della trequarti avversaria l’arrivo in solitaria di Darmian che dopo essersi liberato di un difensore spagnolo serviva un assist al bacio per l’accorrente Pellè che, come nella gara d’esordio con il Belgio, da due passi non doveva far altro che mettere in rete da due passi. 
Adesso la grande sfida sabato sera a Bordeaux contro la corazzata Germania, capace di annichilire con un secco 3-0 la Slovacchia di Hamsik e Kucka e che sta dando l’impressione di essere sulla buona strada per tornare ad essere quella squadra che due anni fa in Brasile si comportò da vero e proprio rullo compressore.
Per la Spagna invece è la fine di un ciclo inaugurato 8 anni fa e culminato con le conquiste di un Mondiale (2010 in Sudafrica) e delle ultime due edizioni degli Europei (2008 in Austria e Svizzera, e 2012 in Polonia ed Ucraina).
Negli altri ottavi disputati, successi oltre il 90’ per Portogallo (tempi supplementari) e Polonia (rigori), rispettivamente contro Croazia e Svizzera. Mentre la Francia ha dovuto sudare le proverbiali sette camicie per avere la meglio di una mai doma EIRE che era addirittura andata in vantaggio con un rigore trasformato dopo appena due giri di lancette da Brady. Poi ci ha pensato Griezmann ha rimettere le cose a posto per i blues di Deschamps, dopo un primo tempo in cui i transalpini hanno sofferto tantissimo l’aggressività degli irlandesi.
Infine, tutto facile per il talentuoso Belgio che sembra aver ingranato la marcia dopo aver steccato la gara iniziale con l’Italia, anche se l’Ungheria esce con l’onore delle armi nonostante il 4-0 con cui si è concluso l’incontro. Un risultato probabilmente bugiardo ed esagerato, perché sino all’80’ i magiari erano ancora in partita ed erano sotto solo di un gol. Poi il calo fisico evidente, ha permesso ai diavoli rossi di dilagare e di far assumere contorni abbastanza ampi al punteggio che punisce oltre i propri demeriti gli ungheresi che hanno anche avuto diverse occasioni per pareggiare e rendere ancora più incerto l’esito del confronto. Mentre il Galles di Bale la spunta con una sfortunata autorete di Mc Auley nel derby con l’Irlanda del Nord, dopo una partita tutt’altro che piacevole.
Questi i quarti di finale che si disputeranno a partire da giovedì 30 giugno:

30/6: Polonia – Portogallo

1/7: Galles – Belgio

2/7: Germania – Italia

3/7: Francia – Islanda


Francesco Montaninio 

Nessun commento:

Posta un commento

FED CUP: a Mosca i successi di Potapova e Pavlyuchenkova portano la Russia avanti 2 a 0 nello spareggio con l’Italia

MOSCA – L’ Italia per evitare la retrocessione e restare nel secondo gruppo mondiale, la Russia per risalire dal terzo. Uno spareggi...

I più letti