CONFEDERATIONS CUP: A KAZAN, GOL E SPETTACOLO FRA PORTOGALLO E MESSICO



Kazan - Nella seconda giornata della Confederations Cup, gol ed emozioni a raffica fra Portogallo e Messico, nel match disputato nel pomeriggio alla “Kazan Arena”. Si decide tutto nel quarto d’ora finale del primo tempo e negli ultimi minuti della ripresa, quando Quaresma, Hernandez, Cedric ed Hector Moreno fissano il risultato dell’incontro sul 2-2.
Un’altalena di emozioni, in cui sono i campioni d’Europa ad avere i maggiori rimpianti visto che per ben due volte sono stati raggiunti, dopo aver sprecato malamente la possibilità di portarsi sul doppio vantaggio. Gara sostanzialmente equilibrata, con i 22 in campo che si sono dati battaglia per tutti i 90’. Il risultato di parità è sostanzialmente giusto e fa felice la Russia, che così conserva il primo posto nel raggruppamento, ed il Messico che mercoledì prossimo incontrerà la Nuova Zelanda. 
Dopo il minuto di raccoglimento per le oltre 60 persone che hanno perso la vita nell'incendio della foresta di Pedrogao Grande, il match aveva inizio.
Partivano meglio i centroamericani che imprimevano alla gara subito un gran ritmo, provando a mettere in difficoltà i lusitani che, in maniera sorniona, dal canto loro si affidavano alla classe ed ai numeri della stella Cristiano Ronaldo, per mettere a repentaglio la porta difesa dal bravissimo Ochoa (probabilmente, il migliore in campo).

Non a caso, erano proprio i lusitani a regalare la prima grande emozione della gara. Sugli sviluppi di un calcio di punizione, CR7 colpiva una clamorosa traversa con tanto di intervento prodigioso di Ochoa. La ribattuta veniva raccolta da André Gomes che con un diagonale faceva centro. 
Ma qui entrava in azione la VAR, ed il direttore di gara (l’ottimo argentino Pitana) annullava su corretta segnalazione dell’ausilio tecnologico la rete per un fuorigioco ad inizio azione. Non cambiava comunque il cliché della gara, con il Messico a macinare gioco senza però rendersi realmente pericoloso dalle parti di Rui Patricio, ed i Campioni di Europa che dal canto loro si affidavano alle giocate dei solisti. Al 32’, era ancora Ochoa a rendersi protagonista di un grandissimo intervento, alzando in corner una conclusione di Andrè Gomes deviata da Reyes che era destinata a scavalcarlo in maniera beffarda.

Due minuti dopo, i portoghesi sbloccavano il match: clamoroso buco di Salcedo a centrocampo che faceva involare verso la porta messicana Cristiano Ronaldo. Il fuoriclasse del Real Madrid non aveva un buon controllo ma con un fenomenale assist trovava il modo di servire l’accorrente Quaresma che in beata solitudine prima scartava Ochoa e poi depositava nella rete ormai sguarnita la palla dell’1-0! Una giocata da autentico campione, quella del probabile "Pallone d'Oro", applaudita da tutto lo stadio. Il Messico reagiva ed al 38’ ci provava con il “Chicharito” Hernandez, ma il suo colpo di testa era troppo centrale e debole. Di ben altro spessore, la giocata con cui Ronaldo liberava al tiro il solito Quaresma (40’) che provava a piazzarla sul secondo palo, ma difettava nella precisione. Il Portogallo dava l’impressione di poter affondare facilmente il colpo, ma al 42’ in maniera quasi inaspettata, la “tricolor” perveniva al pareggio: stavolta a lisciare la palla era Raphael Guerreiro, e Vela scodellava una palla sulla quale si avventava come un falco, in piena area di rigore Hernandez che con un preciso colpo di testa fulminava  l’incolpevole Rui Patricio. Era ancora il “Chicharito”, al tramonto della prima frazione, a rendersi pericoloso, dopo l’ennesima fuga sull’out sinistro di Vela che serviva un assist a Jimenez che premiava l’inserimento del talentuoso attaccante del Bayer Leverkusen.

Stavolta la conclusione del numero 14 messicano era altissima, anche a causa di una zolla malandrina che faceva assumere alla palla una strana traiettoria. Si andava così al riposo sull'1-1, ma con la sensazione netta che poteva ancora accadere di tutto. Così come si sarebbe poi verificato.
Nella ripresa, nella fase iniziale i ritmi si abbassavano notevolmente e le due squadre facevano fatica a costruire gioco ed occasioni, così come invece era accaduto nei primi 45’. Non cambiava in compenso il canovaccio tattico della gara: al prolungato possesso palla del Messico faceva da contraltare un Portogallo arroccato nella propria metà campo e pronto a ribaltare l’azione ed a scatenare la velocità dei suoi attaccanti, una volta conquistato il pallone nella zona nevralgica. La gara viveva di fiammate ed al 62’, Andrè Gomes provava a fare tutto da solo ma al momento di servire palla a Cristiano Ronaldo si faceva imbrigliare dai difensori messicani. Cinque minuti dopo, il neo entrato Arien si faceva ammonire dopo aver sgambettato Giovanni Dos Santos che si stava involando in rete: la successiva punizione calciata da Layun terminava però alta. 
Al 75’, Quaresma eccedeva in egoismo non servendo palla a Cristiano Ronaldo, facendosi ribattere il tiro. Era ancora l’ex centrocampista dell’Inter ad impegnare Ochoa (80’) con una conclusione dal limite, e su capovolgimento di fronte Dos Santos sprecava in malo modo una buona occasione per i centroamericani.

Negli ultimi minuti di gara, salivano in cattedra due sicuri protagonisti del nostro prossimo campionato: Andrè Silva (Milan) ed Hector Moreno (Roma) capaci di rendere spettacolari le fasi finali del match, con alcune giocate davvero entusiasmanti.
A dare idealmente il fuoco alle polveri era il giovane attaccante rossonero che impattava sul match in maniera a dir poco devastante: all’84’ con un preciso colpo di testa indirizzato all’angolino, chiamava Ochoa ad un altro miracolo compiuto stavolta con un vero e proprio balzo felino. Il bravissimo estremo difensore messicano però nulla poteva sulla conclusione ravvicinata di Cedric, deviata da Hector Herrera, che spegneva la propria corsa in fondo alla rete.
Il finale di gara era naturalmente scoppiettante e regalava emozioni a grappoli, con la ciliegina sulla torta del secondo pareggio dei centroamericani in pieno recupero. Alla ripresa del gioco, il Messico si catapultava in massa in attacco ed Hernandez aveva subito l’occasione giusta per impattare. Il Chicharito però si perdeva sul più bello, e sul ribaltamento di fronte Gelson Martins si divorava fra l'incredulità generale la palla del 3-1. 
Come accaduto nel primo tempo, la legge non scritta del calcio “gol sbagliato, gol subìto” puniva implacabilmente i lusitani. La tricolor spingeva generosamente a tutta ed al 91’, sugli sviluppi di un corner, stavolta era il nuovo acquisto della Roma, Hector Moreno a regalare l'ormai insperato pareggio con un colpo di testa che baciava il secondo palo prima di terminare in rete. Gravissime le responsabilità nell’occasione di Josè Fonte che si faceva incredibilmente superare da un giocatore più basso di lui di diversi centimetri. Non c’era più tempo, ed il match terminava così con un pareggio tutto sommato salomonico per quello che si è visto in campo. 

In classifica, come accennato, comanda la Russia con 3 punti, seguita da Portogallo e Messico con 1; fanalino di coda la Nuova Zelanda con 0.
La seconda giornata, in programma mercoledì 21 giugno, prevede Russia-Portogallo (Mosca, ore 17) e Messico-Nuova Zelanda (Sochi, ore 20).

Francesco Montanino

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova generazione di tennisti made in Russia tra risultati raggiunti ed aspettative crescenti

PAOLO CASARIN (EX ARBITRO): “I due tempi da 30 minuti effettivi ciascuno, prossima novità del regolamento calcistico”

Tennis: al Torneo Montecarlo uno strepitoso Fognini abbatte Nadal ed è in finale